laravel

I prerequisiti di Laravel

Utilizzare un framework PHP, Laravel nel nostro caso, può sembrare un ostacolo duro da affrontare. Anche chi vi scrive, abituato al codice in procedurale, all’inizio era molto titubante nel passare dal vecchio ma “sicuro” metodo al nuovo, che appariva ricco di incognite e di dubbi. Cosa devo sapere per poter utilizzare Laravel?” era la domanda più frequente che ronzava in testa: vediamo insieme di dare una risposta.

PHP

php

Può sembrare banale, ma per usare un framework PHP bisogna avere una discreta conoscenza di questo linguaggio. Che notizia clamorosa, direte voi! Ebbene, non è così scontato: ci sono tanti che si spacciano per “developer” solo perché hanno messo online un sito in WordPress e magari non sanno neanche cosa sia una variabile!

Programmazione OOP

Un requisito fondamentale è avere una conoscenza, anche parziale, della programmazione a oggetti. L’utilizzo delle classi e delle relative istanze che creano gli oggetti permette di sviluppare il codice in maniera modulare, condizione imprescindibile per costruire software di complessità crescente e, contemporaneamente, semplici da gestire e modificare. Ogni classe ha due elementi fondamentali: gli attributi e i metodi. I primi sono, generalmente, le variabili che contengono i dati della classe, mentre i secondi sono le operazioni che manipolano gli attributi.

Database

Ogni applicazione web ha, quasi sicuramente, un database alle spalle dove vengono salvati i dati necessari al funzionamento della piattaforma. Laravel permette in maniera nativa l’utilizzo di database SQL e, grazie a sviluppatori terzi, anche database NoSQL: la scelta è solo dello sviluppatore, che potrà optare liberamente per il sistema che preferisce.

Pattern MVC

pattern mvc

Laravel, com’è noto, è un framework che utilizza il pattern MVC, ossia la separazione logica del software in 3 concetti separati, ma in costante comunicazione:

  • Model: l’insieme delle operazioni e dei metodi di accesso ai dati;

  • View: la gestione di tutto ciò che l’utente vede e la sua interazione con il software;

  • Controller: l’elemento che riceve i comandi dalla View (e quindi dall’utente), li gestisce e fornisce una risposta (sempre alle View) utilizzando i componenti del Model.

Composer

La possibilità di installare componenti di terze parti ci permette di personalizzare e di arricchire di funzionalità il nostro software. Laravel, per questo scopo, utilizza Composer e conoscere le basi di questo potente strumento è sicuramente positivo. L’utilizzo si basa su comandi da impartire da riga di comando e tra questi c’è anche quello per installare localmente un nuovo progetto in Laravel! Composer è scaricabile gratuitamente sul sito ufficiale ed è facilmente installabile su piattaforme Windows, Linux e Mac.

URL Rewrite

Conoscere la pratica di URL Rewrite e, quindi, dell’esistenza e dell’utilizzo dell’htaccess, facilita molto la comprensione del routing di Laravel. Grazie al file routes.php è possibile creare URL personalizzati in base alle varie esigenze della pagina e interagire via GET o POST con i controller.

Meno difficile di quanto sembri

Smettere di usare il vecchio e caro approccio procedurale e iniziare a utilizzare un framework è oggi, a nostro umile parere, un passo imprescindibile per essere un programmatore moderno. Questi passaggi, come dimostra il presente articolo, sono molto meno complicati di quanto si possa pensare: un programmatore con le nozioni base può, con l’ausilio della documentazione ufficiale e degli altri servizi del mondo Laravel, in breve tempo assimilare i passaggi base per sviluppare un’applicazione base e, con la pratica, affinare le proprie capacità, ricreando con un metodo molto più rapido ed efficiente tutto ciò che prima faceva in maniera faticosa e poco performante, sia per la velocità di sviluppo che per le prestazioni del server sul quale creava il proprio applicativo.

Leave a reply