corso per programmatori

Corsi per programmatori: quale scegliere?

Corsi per programmatori ce ne sono davvero tanti in Italia, forse troppi. Ok, a questo punto cerchiamo di fare un’analisi sulla situazione italiana lato formazione in ambio sviluppo web e capire nel dettaglio qual è l’offerta formativa LaraMind e perché si distingue per qualità e innovazione.

Corsi per programmatori intesi come sviluppatori Web

Attenzione, un programmatore, termine generico, vuol dire molte cose. Uno sviluppatore web è un “sotto insieme” della parola “programmatore” che comprende coloro che appunto sviluppano web app e coloro che invece sviluppano programmi che con il web non hanno a che fare per niente: C++, C, Java ecc.

Uno sviluppatore web in pratica è colui che utilizza e “smanetta” su questo tipo di linguaggi: PHP, JavaScript, Python ecc.

Dai un’occhiata alla roadmap dello sviluppatore web

 

Oggi, non solo linguaggi, anche framework

Oggi, uno sviluppatore web con certe caratteristiche e con certe competenze non può non conoscere determinati framework. Su cosa sono i framework su questo blog ne abbiamo parlato abbondantemente :).

I framework essenziali per uno sviluppatore web si dividono in due famiglie, in base dunque al percorso specialistico che il web developer intende intraprendere, backend o frontend.

I framework più conosciuti oggi sono Laravel, Symfony per quanto riguarda PHP, Vue.js, Angular per quanto riguarda JavaScript, Perk per quanto riguarda Python, Ruby on Rails per quanto rigurda Ruby.

Sì avete capito bene, i framework sono figli dei linguaggi web… 😉 Sono appunto stati progettati, concepiti e realizzati mediante un linguaggio web di appartenenza.

Corso per programmatori Web, quale scegliere?

Dunque, se dovessimo consigliare un corso per diventare programmatori oggi dopo 2 anni di esperienza nella gestione di corsi in aula e da remoto per sviluppatori web possiamo darvi questi  consigli:

  • I programmi devono essere innovativi, assolutamente al passo con i tempi. Non esiste che vi siano migliaia di corsi di MS Office e pochi corsi Laravel e Vue.js quando questi ultimi due framework sono davvero super richiesti dalle aziende oggi sul mercato!
  • Gli insegnanti devono essere dei “fenomeni”, parliamoci chiaro… e intendiamo “fenomeni” nello spiegare come nel comprendere loro stessi ciò che dicono. Considerate che un insegnante nel mondo dello sviluppo web fa prima tantissima ricerca sulle cose che andrà ad insegnare, e spesso lo fa appunto da autodidatta, insomma è un lavoro non da poco… un insegnante nel mondo IT c’è poco da fare, oltre che essere bravo a spiegare deve essere bravo a programmare dunque, o per lo meno deve avere caratteristiche di un buon CTO.
  • Gli insegnanti devono essere sì dei fenomeni, ma devono soprattutto essere degli esseri umani. Basta guru, gente che parla da sola a mucchi di persone disattente, gli insegnanti devono favorire il dibattito e il confronto costante con l’alunno
  • Interazione live fra docente e studente garantita. Non solo aule, esistono anche formati come quello webinar capaci di garantire ottime performance in termini di interazione… ma cerchiamo anche di abbandonare questo strabordare inutile di corsi online tutti uguali, intesi come video in streaming o pdf davvero tristi che online pullulano all’inverosimile dove c’è tutto tranne che l’interazione live tra chi insegna e chi vuole apprendere…
  • Anche il supporto in sé della struttura, dell’ente e dunque della scuola è decisivo per la scelta di un ottimo corso di programmazione. La scuola è vero che non fa da agenzia intermediaria in ambito lavoro ma deve sempre saper orientare lo studente al mercato del lavoro, mostrare una segreteria disponibile e avere alcuni contatti giusti (per intenderci con le aziende che hanno un senso nel suo settore di riferimento).

Sei capitato nel posto giusto, scegli LaraMind, vastissima è la soluzione formativa che offre la prima e unica scuola italiana Laravel e Vue.js, tanti i corsi e tante le possibilità di apprendimento!  Ti aspettiamo in aula oppure da remoto! 🙂

Leave a reply