virus più pericolosi di sempre

I 10 virus informatici più pericolosi della storia

Parallelamente allo sviluppo di software e hardware, la storia dell’informatica ha sempre avuto un’altra componente che non ha mai smesso di evolversi, innovarsi e migliorare, ma questa volta decisamente negativa e fastidiosa: i virus.

Possiamo addirittura far risalire la nascita del concetto di virus, ossia quel componente software creato con lo scopo di arrecare danno ai file del sistema dove viene eseguito, al 1949, data nella quale John Van Neumann (uno dei più importanti scienziati dello scorso secolo e ideatore dell’omonima architettura sulla quale si basano i computer moderni) dimostra la possibilità matematica di poter realizzare software capace di replicarsi senza l’intervento dell’uomo.

Dopo quasi 70 anni, purtroppo, i virus sono ancora presenti e diffusi in tutto il mondo, e con il boom di internet hanno avuto un involontario ma potentissimo alleato per diffondersi molto più rapidamente rispetto al passato. Vediamo insieme l’elenco di software malevoli più pericolosi e potenti mai creati, ecco la la Top 10 Virus informatici più dannosi della storia.

10) Surreptitius Sircam

Ha fatto la sua prima comparsa nel 2001 e attaccando i PC che utilizzavano Windows 95, 98 e Millennium Edition. Si è diffuso grazie alle email: si presentava come allegato e, una volta aperto, procedeva alla distruzione di alcuni file e si auto inoltrava a tutti i contatti della propria rubrica di posta elettronica.

9) Storm Worm

Il dato che colpisce maggiormente di questo “trojan” (un particolare tipo di virus che viene nascosto in un software apparentemente innocuo ma che istallandosi diffonde anche il virus) è la velocità di diffusione: solo dopo tre giorni dalla sua comparsa, rappresentava l’8% dei virus in tutto il mondo.

8) Cih Virus

La peculiarità di questo virus era il suo obiettivo: oltre a cancellare e modificare i dati sull’hard disk del PC infettato, andava addirittura a modificare le informazioni del BIOS, rendendo molto spesso praticamente impossibile l’accensione del computer.

7) SQL Slammer

Prende il nome dal sistema operativo contro il quale operava: Windows SQL Server 2000. Si diffuse molto rapidamente e attaccò anche i server della Bank of America e di alcune compagnie aeree, rendendo inutilizzabili i bancomat e annullando molti voli.

6) Melissa

Probabilmente il virus più diffuso nella storia, attaccava i PC Windows con installata la suite Office 2007 e arrivava come allegato alle email: se aperto, tutti i file di Word venivano infettati e Outlook inviava automaticamente il software malevolo ai primi 50 contatti della rubrica.

5) ILOVEYOU

Sfruttando il nome “romantico”, inviava un messaggio con l’oggetto omonimo, contenente un “worm” che si inoltrava automaticamente a tutti i contatti della rubrica di posta elettronica: la rapidissima diffusione e, di conseguenza, l’enorme numero di email inviate contemporaneamente in tutto il mondo causò un blocco di tantissimi server POP3.

4) CODE RED

Virus comparso per la prima volta il 13 luglio 2001, dopo soli 6 giorni infettò addirittura 359,000 server basati su Microsof IIS. Il nome CodeRed deriva dalla bibita Code Red Mountain Dew che i due dipendenti della eEye Digital Security stavano bevendo quando lo identificarono.

3) Conficker

Diffuso nel 2007, infettava i PC con sistemi operativi Windows e provvedeva al download di numerosi altri malware da server web indicati dai creatori del virus. Conosciuto anche come DownUp, aveva anche la caratteristica di diffondersi tramite memorie USB o Hard Disk portatili.

2) Sobig.F

O più comunemente Sobig, fu l’ultimo di una serie di malware rilasciati nel 2003 a distanza di pochi giorni l’uno dall’altro. I loro nomi erano praticamente identici, veniva modificata solo la lettera finale ad ogni rilascio (Sobig.A, Sobig.B e così via).

1) MyDoom

Già il nome dice tutto: la potenza devastante di questo virus ha causato ben 38 miliardi di dollari di danni in tutto il mondo. Diffuso tramite email, creava messaggi infettanti con oggetti diversi (per essere meno riconoscibile) e attaccava praticamente tutti i tipi di file presenti sul PC infettato.

Questo virus è considerato dagli esperti il più devastante in assoluto, i suoi effetti sono stati nefasti in tutto il mondo. Mydoom non a caso è riuscito a rallentare le prestazioni della rete in tutto il mondo. MyDoom in passato ha fatto danni a vittime illustri: Google, AlterVista e Lycos, giusto per citarne alcune.

Non solo, una delle azioni offensive più clamorose di MyDoom è quando riuscì a bloccare a circa 60 società informatiche l’accesso ai siti web e i pop-up pubblicitari forniti da DoubleClick e di altre società che offrivano servizi di digital marketing analoghi.

 

 

Leave a reply