All’estero è meglio lavorare in una startup, in una multinazionale o in un’agenzia?

Eccoci qui al punto cruciale di una delle nostre “super analisi” nel mondo del lavoro IT: all’estero è meglio lavorare in una startup, in una multinazionale o in un’agenzia? Domanda che “dilania” la mente di molti sviluppatori e che non passa inosservato nella mente del developer che intende sbarcare all’estero e fare fortuna.

Abbiamo raccolto informazioni utili per chi intende immergersi nel panorama lavorativo IT del Regno Unito e abbiamo capito una serie di cose parecchio interessanti. Vediamole insieme.

All’estero è meglio lavorare in una startup, in una multinazionale o in un’agenzia? La situazione nel Regno Unito

Eccoci, a dover rispondere ad un quesito “amletico”: all’estero è meglio lavorare in una startup, in una multinazionale o in un’agenzia?

Vogliamo cambiare, siamo degli “smanettoni” che vogliamo conquistare il mondo, e la prima domanda che ci si pone è questa: invio il mio cv e i miei progetti su GitHub a startup, multinazionali o agenzie/software house?

Noi abbiamo dati che si riferiscono al mondo IT in UK, ma crediamo che le analogie con il resto del mondo tutto sommato non si sprechino (fatte le dovute eccezioni). Procediamo.

lavorare in una startup

Startup

Se non hai paura di uscire dal lavoro alle 21 e a volte oltre, questo può essere il posto giusto per te, soprattutto se ami in maniera certosina il prodotto, “il codice con cui viene forgiato” per intenderci. Le startup, almeno a Londra, tendono a sborsare molti soldi per chi si occupa di IT, ad un prezzo però: chi entra deve immergersi pienamente nel progetto, altrimenti forse meglio è starne fuori.

I profili privilegiati da questo tipo di aziende sono quelli Full Stack. Con un Full Stack Developer c’è sempre un po’ “l’idea di pagare tanto per uno e di prenderne due”, essendo che un Full Stack Developer  che si rispetti oggi deve essere un “campioncino vero e proprio sia lato back end che front end”… diciamo che l’ambizione di una startup “ipertecnologica” è averne a volontà di questi profili.

Non sempre accade ciò: ci sono startup che li prediligono e altre no, dipende un po’ dal CTO e da cosa si occupa la startup. Comunque avete capito, se non volete “troppo sballarci con il codice” e “vivere sereni e tranquilli”, lasciate perdere, rivolgete la vostra attenzione, altrove, verso altre aziende.multinazionale uk

Multinazionali

In UK gli stipendi sono alti a livello di multinazionali ed è opportuno sapere che una volta assunti si entra in un organico con dei ritmi già ben consolidati. In pratica “non si ha per le mani il pennello per dipingere tutti i muri dell’azienda”: anche all’estero, nel Regno Unito, la grande azienda pretende un “developer ordinato”, capace di pulire il codice fino al millimetro, di tenere traccia di tutto e di documentare per benino quanto fatto piuttosto che “uno che smanetta come un folle” per rendere il prodotto smagliante.

Se sei più quadrato, questo è il posto giusto per te. Ricordati però che nel Regno Unito essere licenziati è un attimo perchè il “Permanent Job” non è così tanto permanent come sembra… tutto è molto flessibile ma ricorda, anzi ficcatelo bene in testa: se sei un bravo sviluppatore a Londra e dintorni in un attimo trovi un’azienda migliore di quella che hai appena perduto in poche settimane… 😉

Agenzie, Software house

La situazione lato agenzie e software house ahinoi anche in terra d’Albione talvolta non è rosea come sembra. Gli stipendi anche a Londra su questo versante sono un po’ più “bassini” in rapporto a chi lavora in startup super finanziate o in grandi aziende e si tende a ragionare da tipica agenzia.

Lo sapete già, senza troppo inoltrarci nell’argomento: se l’agenzia ha un “board” di persone intelligenti, i prodotti realizzati per conto terzi escono fuori sotto certi standard di qualità, altrimenti è inutile dirvi cosa succede…

La Software house merita invece un discorso a parte. La software house, e lo dice il nome stesso, produce software per conto terzi, clienti specifici dunque che si affidano a questo tipo specifico di agenzia. All’estero, in UK e USA, esistono “software house impressionanti”, non c’è che dire, il fatto è che anche qui si rischia di produrre roba buona o “robaccia” a seconda di chi dirige la sezione dedicata al prodotto e alla gestione del cliente… a voi la scelta.

 

“It’s up to you”, dipende insomma da te, dove ti senti di condurre nel migliore dei modi la tua vita lavorativa… Devi chiederti se per te all’estero è meglio lavorare in una startup, in una multinazionale o in un’agenzia?

 

Dai invece un’occhiata ai nostri corsi che di sicuro possono darti una preparazione sufficiente per affrontare al meglio questo tipo di avventure! Crediamo nel valore assoluto dell’aula, della community e ci teniamo in maniera particolare che i nostri developer, se non possono far bene in Italia, si sappiano distinguere in giro per il mondo!

Leave a reply